lunedì 19 febbraio 2018

AREA EX SIO


L’area ex SIO, vecchia fabbrica dell’ossigeno, in questi giorni causa di dissidi in consiglio comunale, è un’area industriale piuttosto grande, sita tra via Maralunga, via Privata Cieli e via della Pianta. E’ una zona con edifici industriali molto belli e una vasta zona esterna dove pini e arbusti proliferano. Le costruzioni sono fatiscenti e portano i segni di abitanti abusivi (c’è spazzatura ovunque) ma se ne fosse possibile il recupero sarebbero davvero di grande fascino. In altri paesi ci sono zone industriali abbandonate che sono state recuperate con successo, qui invece sembra che la “nuova giunta” abbia intenzione di attuare il progetto della “vecchia giunta”, cioè vendere a privati per farne una sorta di centro commerciale.
Per entrare sono passata un po’ rocambolescamente da un buco nella recinzione attraversando un canale e inzuppandomi fino a metà gamba, poi ho scoperto che c’è una comodissima entrata con cancello (aperto) in via Privata Cieli, sotto a via del Camposanto. Gli edifici hanno due piani però non mi sono avventurata su per le scale, un po’ per paura dei topi ma soprattutto per timore di eventuali inquilini che non penso avrebbero gradito esser fotografati.
Consiglio di fare una visita a questo pezzo di storia spezzina prima che sia completamente spazzata via, ne vale davvero la pena


                                                    






                                         


                                   


                                







                              

                               

                       


























lunedì 29 gennaio 2018

Il Podere di Cerri

Questo podere, abbandonato da parecchi anni, è sito tra la frazione di Cerri di Arcola e Trebiano, nel tratto di strada interrotto per frana dal 2014. A pochissima distanza da Spezia e Sarzana, in una zona panoramica e climaticamente ideale, questo terreno ha subito la sorte di molti altri del nostro territorio: l'abbandono. Le cause probabilmente le stesse di tutti, muoiono i vecchi contadini, non ci sono parenti e se ci sono non hanno alcuna intenzione di lavorare la terra, così in poco tempo la natura fa il suo corso e ricopre i coltivi con rovi ed erbe selvatiche.Sarebbe bello ci fosse una regola in base alla quale i terreni (e magari anche le case o gli appartamenti, che sono tantissimi) abbandonati per più di tre o quattro anni, fossero affidati a cittadini che ne fanno richiesta, ma si sa, la proprietà privata è sacra!

                                                   La strada interrotta

                                                   La piana di Arcola

                                              Il castello di Trebiano

                                           Cerri 

                                  La Baracca




                                             Evidentemente l'acqua era un problema



               Come d'abitudine dalle nostre parti i contadini accatastano ogni sorta di spazzatura



                                                    La costruzione in pietra

                                  La natura riprende il sopravvento